OPHELIA & ME

E tutto sprofonda … “…e infine i suoi vestiti, pesanti di quanto avevano bevuto
  trassero la povera infelice dal suo melodioso canto
  alla fangosa morte.

William Shakespeare, Amleto, atto IV, scena 7.”

PROJECT STATEMENT

Lo scarto e il rifiuto sono prodotti dell'attività umana e la loro quantità è maggiore quanto maggiore é il grado di sviluppo sociale ed economico delle nostre società.

Ophelia diventa la migliore rappresentazione del nostro tempo, giace in un'apparente sospensione in un continuum di plastica che l'avviluppa e l'accoglie, un life packaging che non contempla alcun tipo di raccolta differenziata per emozioni, sentimenti, aspirazioni, gioie, dolori e rimpianti di una vita troppo breve o troppo lunga.

Anch'io ho indossato il vestito dell'indifferenza senza rendermene conto, ma ora, sento che è arrivato il momento di liberarmene  per non avere più filtri che mi limitino lo sguardo verso il futuro.

La speranza  è nella mano di Ophelia che si aggrappa alla Natura, stringendo i fiori tra le dita. 

Ink-jet print - Fine Art Giclée  

cm 70 X cm 50  Ed. 9 copie 

anno 2020